Bertolt Brecht : “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”





Non mi piace pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..






“ Non c’è niente di più profondo di ciò che appare in superficie “




Pino Ciampolillo




mercoledì 11 giugno 2008

CHIUSURA PER MINACCE DI MORTE


UN MESE E MEZZO IN CASA
DOPO LE MINACCE, MENTRE I MEDIA SONO MUTI




Intervista a Pino Ciampolillo, blogger ambientalista che vive a Isola delle Femmine, vicino Palermo e ha portato in questi anni la propria battaglia «per la difesa del territorio, della salute dei cittadini, della legalità e della trasparenza» nelle stanze del Parlamento e delle Procure, ma non è riuscito a farsi ascoltare dai giornali.



Pino Ciampolillo, l'ambientalista che dopo aver ricevuto minacce di morte per le sue battaglie nell'Isola delle Femmine ha “congelato” il suo blog , da un mese e mezzo vive tappato in casa. Ha deciso che le minacce ricevute in piazza da due persone che lavorerebbero nel cementificio contro il cui inquinamento si batte da una vita («La bara per te è già pronta»), non sono da prendere alla leggera. Non in Sicilia, dove è sempre difficile capire dove finisce il confine della sbruffonata e inizia quello dell'evento possibile, quando “l'atteggiamento” mafioso coincide con lo “status” del mafioso vero, quando uno agisce per conto suo o per interessi di altri. Allora, se non si ha chiara la situazione, è meglio piantarla lì, spegnere il computer grazie al quale per anni si sono riversate denunce su denunce a favore dell'ambiente e chiudersi in casa con quelle parole sibilate che ancora ronzano nelle orecchie.
L'odissea di Pino comincia con la creazione del Comitato Cittadino Isola Pulita, che utilizza i moderni strumenti offerti da internet - dai blog alle mailing list - per denunciare «il clima di malaffare e illegalità che pervade Isola delle Femmine», cittadina di 5 mila abitanti a 10 minuti d'auto da Palermo.
Al centro dell'azione di “Isola Pulita” la lotta contro corruzione e illegalità, ma soprattutto i danni all'ambiente causati, secondo il Comitato, da un cementificio costruito, praticamente, nel centro del paese.


«Noi non siamo nati - spiega Ciampolillo - per combattere l'impianto della Italcementi.

Non è nostra intenzione chiederne la chiusura.

Noi vogliamo soltanto che vengano rispettate le normative in materia ambientale, quelle a livello italiano ed europee.


In particolare tenendo conto della salvaguardia del territorio - l'Italcementi addirittura è inserita in siti Sic (cioè di iportanza comunitaria, ad alta protezione ambientale certificati dalla Ue) - e della salvaguardia della salute dei cittadini. Abbiamo sempre chiesto questo, ma in un paesino di 5 mila abitanti una grande industria per il politico della zona vuol dire - siamo in Sicilia - il posto di lavoro, il favore...


Il sostegno dei politici le è insomma mancato. E quello della gente?

Il meccanismo di cui parlavo prima si riflette anche nella mancata solidarietà della cittadinanza. Ma non è che i cittadini non siano con noi. Un piccolo episodio: io sono venuto qui in Sicilia 30 anni fa - vivevo a Torino –-al funerale di Peppino Impastato e di Cinisi mi sembrava non ci fosse nessuno. Poi un “cinisaro” ci ha spiegato: «Non è che non c'è nessuno, sono tutti dietro la finestra. Non escono di casa, non scendono in piazza, ma nel momento in cui aprono la finestra, alzano la tapparella, fanno capire al mafioso di turno, alla gente e al vicino di casa, che si sono schierati con Peppino Impastato».
La stessa cosa è capitata adesso. Se si schierano con Isola pulita... il certificato fatto in tempo reale, il loculo al cimitero, qualsiasi cosa guardi, qui è tutto contrattabile in termine di voti e di favoritismi personali. La gente si condiziona psicologicamente, perché a Isola delle Femmine, come in Sicilia in generale, c'è lo “stato di necessità”.

Lei ha scritto una lettera di appello alle autorità alcune settimane fa, denunciando le minacce ricevute e annunciando che, senza l'aiuto dello Stato, Isola Pulita si sarebbe dovuta arrendere alle intimidazioni subite. Avete avuto qualche risposta?

C'è stata solidarietà trasversale, devo riconoscere che non è stata una questione di appartenze politiche o associative. Dai vari comitati, dai vari partiti dalle organizzazione sindacali, da Veltroni, tanto per fare un nome. Siamo stati ricevuti dalla Commissione antimafia, la prossima settimana andiamo dal Presidente della Regione Sicilia, saremo ricevuti fra 15 giorni alla Procura della Repubblica, dal Prefetto. Ci stiamo muovendo. Nei mesi scorsi sono state presentate interrogazioni parlamentari sul cementificio di Isola delle Femmine.

Tutto questo nel silenzio dell'informazione. Come mai, secondo lei, i grandi giornali e le grandi televisioni ignorano la battaglia del Comitato?
Abbiamo dovuto combattere, per vedere pubblicato qualcosa. Ma più che l'interesse di alcune televisioni locali e qualche trafiletto non abbiamo ottenuto. Forse perché questa storia è stata presa come Isola Pulita contro Italcementi. E naturalmente con l'Italcementi, specialmente i giornali nazionali, hanno qualche difficoltà. Almeno questa probabilmente è stata, forse, la notizia che è arrivata nelle redazioni.
Ieri dopo tanto insistere finalmente è apparso un piccolo trafiletto nelle brevi di un giornale nazionale. È uscito un pezzo su una rivista locale, e poi altro niente. Ho chiamato ieri l'Ansa e mi hanno detto che l'hanno lanciata, ma che non era stata ripresa.


Ha avuto difficoltà insomma.strong>
A noi l'attenzione dei giornali servirebbe per uscire dall'isolamento, per liberare, come uso dire, le forze sane del Paese. Per ora nessuno si espone. Tornando al discorso di prima, di Cinisi e Peppino Impastato, nessuno apre le finestre se non c'è chi guarda.


Quindi secondo lei i media la ignorano perchè è conivolta una grande industria?
In questo periodo tenga presente che l'Italcementi è sotto torchio. Ha avuto anche problemi nelle varie aste, ha una sorta di calo di produzione... ci sono problemi, in particolare in tutto il meridione. Per esempio a Reggio Calabria, Messina...
Quindi forse a livello di management la situazione meridionale... forse c'è stato anche questo, non dico che c'è il coivolgimento diretto della Italcementi, per carità, ma forse una scelta autonoma dei giornali di non parlarle contro.
Io veramente non sono riuscito a spiegarmi come mai, ma le posso raccontare un episodio. Due anni fa, c'è stata la storia delle alghe rosse. Tra i corresponsabili di questo problema c'era sicuramente l'inquinamento causato dal deposito del Pet Coke della Italcementi che, per la conformazione del terreno, inquina fino al mare.


E neanche di questo avevano parlato i giornali?
No, nemmeno di questo. C'è stata un'interrogazione parlamentare, io avevo avuto dei contatti con una cronista di un grande giornale. C'era un esame geologico del terreno... mi dicono domani, domani, e non esce mai. A un certo punto mi arrabbio, e vado in redazione a Palermo. Sa cosa mi hanno detto? «Abbiamo ricevuto delle disposizioni da Roma che non dobbiamo pubblicare nulla sulla Italcementi». Non di Pino Ciampolillo o di Isola Pulita... insomma, sulla questione Italcementi i giornali devono stare molto attenti, perché siamo in un periodo molto delicato.

http://www.agendacomunicazione.it/index.php?id=2375&tsd=1
http://www.isolapulita.it

Caricato da isolapulita





ISOLA PULITA PARLA A TELEJATO
IL SILENZIO UCCIDE
IL DOVERE DELLA COERENZA E LA RESPONSABILITA’ DI UN IMPEGNO
Lo scorso mese di giugno in questo nostro spazio di libertà, di libero confronto e di libera informazione e controinformazione, rappresentato dal sito
http://www.isolapulita.it , abbiamo comunicato che a seguito delle minacce verso dei componenti del Comitato Cittadino Isola Pulita, prendevamo atto pubblicamente di aver fallito nella nostra “missione”:
di legalità,
di ambiente,
di amministrazione,
di trasparenza,
di sviluppo,
di territorio,
di crescita sociale e culturale della nostra COMUNITA’.

Abbiamo fallito nella nostra battaglia sulla difesa della salute dei cittadini, sulla qualità dell’aria e delle nostre acque,

Abbiamo fallito nel richiedere, da parte della Italcementi e delle Istituzioni, il rispetto delle leggi e delle regole in materia ambientale, nella salvaguardia dei posti di lavoro

Abbiamo fallito nel nostro intento di dare un contributo atto a favorire il dialogo e il confronto civile attraverso la partecipazione di tutti i CITTADINI.

Dichiaravamo la LA NOSTRA RESA ! e quindi la cessazione di qualsiasi attività del sito Isola Pulita.

Diverse sono state le domande circa il fatto se il sito sia stato effettivamente chiuso: PRECISIAMO
Tutto ciò che è stato pubblicato successivamente (alla nostra decisione) attiene ESCLUSIVAMENTE all'IMPEGNO che ci siamo assunti nei confronti dei nostri lettori simpatizzanti e di liberi cittadini: offrire uno spazio di discussione analisi e proposte sui valori che hanno contraddistinto il nostro agire politico e i consequenziali comportamenti messi in campo da chi pensa che il territorio, la politica, l’ambiente, la legalità sono degli optional nella vita democratica di una Comunità.
La chiusura del sito non è assolutamente da confondersi con l’oscuramento TOTALE, questo perché, nella vita come in politica, qualsiasi persona di buon senso non può assolutamente CANCELLARE il passato, le esperienze fatte e VISSUTE,.
Qualsiasi persona di buon senso GUARDA, ANALIZZA il PASSATO le esperienze vissute, come fonte esperienziale per il miglioramento delle sue condizioni di vita e come crescita umana sociale e spirituale nella sua azione quotidiana.
Senz’altro è possibile cancellare (oscurare dal sito) articoli, foto documenti che hanno informato e documentato il caso di abusivismo, di degrado, di illegalità di…………ma NON potrà sicuramente cancellare la OMESSA responsabilità o il non aver ottemperato agli obblighi di controllo e di rispetto delle leggi e delle regole.
Potete strappare le prime lettere d’amore, potete strappare le foto dei vostri primi amori, della vostra prima gita, ma non riuscirete a cancellare le sensazioni le emozioni i sentimenti che fanno ormai parte del VOSTRO ESSERE e vi accompagneranno per tutta la vita.


NON C’E’ PEGGIOR SORDO CHE NON VUOL SENTIRE, NON C’E’ PEGGIORE CIECO CHE NON VUOLE VEDER, NON C’E’ PEGGIOR MUTO CHE NON VUOL PARLARE

E’ trascorso più di un mese da quello sciagurato pomeriggio dell’11 giugno - SCIAGURATO per la democrazia, per l’informazione, per la legalità a Isola delle Femmine.

No non vogliamo parlare di quello che avremmo voluto vedere, sentire o ricevere, ma come nostra abitudine: ABBIAMO VISTO ABBIAMO UDITO e senza piangerci addosso questo ciò che conta.

Di TUTTO questo prendiamo atto e da questo partiamo senza falsi illusioni e senza distorcere ciò che è stato.

Ferma resta la nostra determinazione nei confronti delle Istituzioni affinché ci garantiscano tutela, agibilità democratica, libero esercizio della informazione e il diritto ad organizzarci.

Ribadiamo per l’ennesima volta la nostra posizione nei confronti dello stabilimento della Italcementi, dei dipendenti, dei cittadini e di Isola delle Femmine:


Il rispetto delle leggi e delle regole in materia ambientali , la tutela della Salute degli operai e dell’intera cittadinanza il rispetto dell’ambiente e delle bellezze naturali sono con il mantenimento dei livelli occupazionali le posizioni che ha sempre sostenuto e guidato l’azione del il Comitato Cittadino Isola Pulita. Si è altresì denunciato la possibile strumentalizzazione, da parte della Italcementi, tesa a giustificare una sospensione della produzione, dovuta più ai gravi fatti che sono stati oggetto d'indagine da parte dell'Autorità Giudiziaria a causa dell'ingerenza della mafia nella gestione degli appalti, cui la stessa Ditta era aggiudicataria.



Caricato da isolapulita




INCONTRO COMMISSIONE ANTIMAFIA SICILIA 21 LUGLIO 2008
COMUNICATO STAMPA

Questa mattina, una rappresentanza delle Associazioni, che hanno sottoscritto

L’ APPELLO PER LA LEGALITA’ ED AL DIRITTO ALL’INFORMAZIONE,
ha incontrato il Presidente della Commissione Regionale Antimafia per manifestare la profonda preoccupazione per alcune intimidazioni e per il clima di tensione di cui sono stati oggetto, proprio di recente, il Comitato cittadino “Isola Pulita” di Isola delle Femmine ed alcuni suoi esponenti più in vista.
Questi ultimi, tra l’altro, hanno subito gravi minacce personali in pubblico e nei loro confronti, da tempo, viene alimentata ad arte una campagna di aperta delegittimazione, paventando che l’attività del Comitato miri, addirittura, alla chiusura del cementificio Italcementi con le conseguenti ripercussioni occupazionali. E’ stato consegnato un documento di denuncia firmato da diverse Organizzazioni.
Nel corso dell’incontro, il rappresentante del Comitato Isola Pulita ha evidenziato che l’escalation intimidatoria, oltre a limitare le libertà personali, mira essenzialmente a zittire la voce libera del Blog, in un contesto che può apparire tranquillo, ma che al suo recente attivo annovera la scomparsa di due noti imprenditori, i Maiorana, padre e figlio, e la cattura di un latitante mafioso. E Sonia Alfano ha ribadito che situazioni come quelle denunciate non possono passare sotto silenzio e che è assolutamente necessario che le Istituzioni garantiscano il rispetto della legalità e dei principi fondamentali di democrazia sul territorio. La sig.ra Rossella Accardo ha chiesto interventi concreti da parte della Commissione, affinché a partire dalla vicenda ancora irrisolta dei suoi familiari si avviino iniziative di sradicamento dal basso della cultura dell’omertà e della sopraffazione, ad esempio dall’insegnamento scolastico anche per i genitori degli alunni.
Il Presidente Speziale ha garantito la massima attenzione per i fatti descritti e le proposte formulate, impegnandosi ad intraprendere con la Commissione passi ufficiali presso gli organi istituzionali locali.


L’ APPELLO che è stato consegnato al Commissario on.le Speziale


Caricato da isolapulita






Solidarietà associazioni a Isola Pulita
Palermo 07 luglio 2008

Al Procuratore Capo
della Procura della Repubblica
di Palermo

Al Sig. Prefetto
di Palermo

Al Presidente della Commissione Nazionale Antimafia
R O M A

Al Presidente della Commissione Antimafia Regione Sicilia

Al Presidente della Regione Siciliana


APPELLO PER LA LEGALITA’ ED AL DIRITTO ALL’INFORMAZIONE


I gravi atti intimidatori, – minacce personali sulla pubblica piazza -, che si sono verificati nei giorni passati ad Isola delle Femmine contro gli operatori del Blog “Isola Pulita” sono il tentativo di soffocare una voce che da anni è impegnata sul fronte del rispetto della legalità.
In questi anni il Blog ha informato i lettori e in special modo la popolazione locale sui rischi per la salute a cui è sottoposta la popolazione isolana.
L'uso non autorizzato del pet-coke da parte dell'Italcementi, denunciato attraverso il Blog, ha fatto scattare l'intervento dell'autorità giudiziaria.
Il clima intimidatorio di queste ultime settimane aveva portato gli operatori del Blog a chiudere con questa esperienza ma le Associazioni firmatarie di questo appello, oltre ad esprimere agli operatori di Isola Pulita la propria solidarietà, hanno sottoscritto un impegno per sostenere il Blog affinché la libertà di espressione non venga soffocata mettendo a rischio la democrazia.
Si ricorda che nessuno si è mai opposto e si oppone al funzionamento dello stabilimento di produzione della Italcementi che deve rimanere per garantire l'occupazione locale purché venga rispettata la normativa nazionale e comunitaria in materia di rispetto delle emissioni inquinanti e della qualità dell’aria.
Le sottoscritte Associazioni, pertanto, chiedono che non venga sottovalutato il grave atto intimidatorio e che venga mantenuta la garanzia occupazionale nel rispetto dell’ambiente e della salute e che finalmente si possano attivare le giuste attenzioni verso un intero territorio a vocazione essenzialmente turistica.

Palermo 07 luglio 2008

Seguono Legambiente, WWF Palermo, MDC, ISDE (Associazione Medici per l'Ambiente), Rete per la Difesa dei Beni Comuni, C.G.I.L. Funzione Pubblica Regionale, U.I.L. Funzione Pubblica territoriale Isola e…, Rifiuti Zero,Meetup Palermo 3 il Grillo di Palermo, Comitato No Inceneritori di Palermo, Decontaminazione Sicilia,Il Grillo di Palermo, Liberacqua


Caricato da isolapulita







Isola delle Femmine 12 giugno 2008-06-12
MINACCE DI MORTE AL COMITATO CITTADINO ISOLA PULITA
Il Comitato Cittadino Isola Pulita a seguito delle gravissime minacce di morte rivolte contro due nostri esponenti ha deliberato l’interruzione immediata di qualsiasi attività politica sul territorio e conseguentemente la chiusura del sito web “Isola Pulita”.
Le minacce sono state pronunciate pubblicamente nella piazza Umberto I a Isola delle Femmine.
La decisione è scaturita per una salvaguardia della incolumità fisica dei componenti del Comitato e delle proprie famiglie.
Ammettiamo pubblicamente di aver fallito la nostra “missione”:
parlare di legalità,
di ambiente,
di amministrazione,
di trasparenza,
di sviluppo,
di territorio,
di crescita sociale e culturale della nostra COMUNITA’.
Il nostro intento: dare un contributo per favorire il dialogo e il confronto civile attraverso la partecipazione di tutti i CITTADINI.
AVETE LA NOSTRA RESA !
Il Comitato Cittadino “Isola Pulita”



Caricato da isolapulita


CONFESSIAMO LE NOSTRE COLPE:

La nostra "colpa" è l'aver preteso da parte della classe politica di Isola delle Femmine: Un pensiero, un concetto, un’analisi che mettesse in luce il livello di legalità o illegalità a Isola delle Femmine, della trasparenza della pubblica amministrazione nella gestione delle risorse umane ed economiche.
Con la nostra azione, i nostri comportamenti abbiamo espresso (PRETESO?) un auspicio alla discussione al confronto aperto al contributo di tutti dall’analisi alla discussione alla elaborazione per cercare di cambiare un sistema non sempre amato da tutti gli Isolani, un tentativo di dare delle risposte ai problemi dei Cittadini e per ripristinare una partecipazione effettivamente democratica.

ABBIAMO PRETESO:

Coinvolgere tutti i Cittadini nel tentativo di rifondare la comunità di Isola delle Femmine e nel tentativo di cui siamo profondamente convinti che per rifondare questa COMUNITA’ c’è bisogno di una forte presa di RESPONSABILITA’ di tutti i cittadini oltre alla capacità la sensibilità di diventare finalmente POLITICA.

VOLEVAMO TRASMETTERE:

I cittadini devono essere partecipi delle scelte, questo deve essere l’intento della nostra azione politica.
I cittadini devono essere partecipi e NON devono subire le scelte prese in solitudine da qualcuno (da qualche settimana è iniziato lo squallido spettacolo da “calcio mercato” delle possibili future liste per le prossime amministrative, ci si ruba a vicenda i candidati in base ai voti che presumibilmente puo’ portare e offrendo in cambio posti di lavoro avanzamenti di carriera, straordinari, un giro in barca… e quant’altro – come al mercato si trova di tutto e di più).
Favorire e promuovere un ampio confronto favorendo la partecipazione dei cittadini e non temere effetti di contaminazione con tutti quei soggetti politici che hanno a cuore la risoluzione dei problemi del nostro paese.
Avere la capacità di fare del trasversalismo una RISORSA per potersi confrontare sui problemi concreti e sulle scelte serie per questo nostro paese, perché alla fine al di là delle LISTE e LISTARELLE POSSANO PREVALERE LE IDEE E I PROGETTI PER ISOLA DELLE FEMMINE

Per esprimere la propria solidarietà al Comitato Isola Pulita scrivere un messaggio a:
isolapulita@gmail.com

Comitato Cittadino Isola Pulita
http://www.isolapulita.it

CHIEDIAMO SCUSA AI NOSTRI LETTORI SE QUALCHE PASSAGGIO RISULTA POCO CHIARO
NOI DEL COMITATO CITTADINO ISOLA PULITA non vantando nelle nostre file "politici" cercatori di voti, "politici" scambisti, "politici" intrallazzatori o affaristi di ogni genere ABBIAMO CERCATO DI PARLARE CON IL CUORE COME IN GENERE SUCCEDE AGLI ESSERI UMANI GRAZIE GRAZIE





http://la-rinascita-a-isola-delle-femmine.blogspot.com/







ITALCEMENTI ISOLA DELLE FEMMINE A.I.A. PETCOKE RIFIUTI INCENERITORE DIOSSINE e...............

DALLE PAROLE AI FATTI :



le minacce contro i componenti del Comitato Cittadino Isola Pulita stanno diventando realtà.
Purtroppo sarà una realtà che colpirà nella salute tutti i cittadini di Isola delle Femmine oltre che di Capaci.


Il giorno 18 luglio c.a. il servizio 2 V.I.A/V.A.S. della Regione Sicilia a firma del suo dirigente Ing Vincenzo Sansone è stato emesso decreto 693 corcenente l’Autorizzazione Integrata Ambientale alla ditta Italcementi di Isola delle Femmine.

Mentre tutti guardano la montagna (di Bellolampo), non ci si accorge di quello che già esiste a Isola delle Femmine e Capaci.

A.I.A. >"provvisoria" (???), 6 anni, per il cementificio Italcementi di Isola delle Femmine che consente la combustione di pet coke ed altro:

Portata giornaliera dei fumi = 10.423.200 m3 (un pò più dell'inceneritore di Bellolampo)

Se vengono rispettati i limiti dell'autorizzazione, secondo i flussi di massa abbiamo:

Diossine emesse = 1.042.320.000 pg/giorno
equivalente alla dose di "tollerabilità" giornaliera (140 pg, secondo l'OMS) di 7.445.142 persone,
ovvero una "razione" (si tratta sempre di un calcolo teorico) di 65145 pg/uomo e cioè 465 volte la dose di 140 pg (calcolo riferito a 16000 abitanti, cioè Isola + Capaci)

Diossine in ricaduta al suolo: per rispettare il limite di 3.4 pg/m2 (legislazione Belga) è necessaria una superficie di 306.6 Km2
Superfice Isola delle Femmine km2 3,54
Superfice Capaci km2 6,12

Vanadio: 1.17 Kg/giorno; Nichel: 292 gr/giorno; Mercurio: 348 gr/giorno;

Altri metalli: 3.48 Kg/giorno

Idrocarburi Policiclici Aromatici: 128 gr/giorno

Lascio a voi il calcolo mensile ed annuale.

Altri parametri (calcolati già da prima dall'ARPA nel 2006):

Polveri (totali, non PM10):
686 Kg/giorno

S02: 5343 Kg/giorno

N02: 16023 Kg/giorno

L'ARPA sottolinea che bisogna tenere in conto anche le notevoli quantità di emissioni pulverulenti diffuse (cioè non da punti fissi), generate dalla movimentazione dei materiali.

Quando ci si basa solo sulle concentrazioni degli inquinanti e non si tiene conto nè della dislocazione di questi grandi impianti (vedi vicinanza con i centri abitati), nè, soprattutto, con le quantità emesse dei composti a lunga persistenza ambientale e bioaccumulabili, questi sono i risultati.
"Ovviamente" i controlli per i composti più pericolosi sono previsti...annuali.
Ognuno tragga le proprie considerazioni!
Ino
Palermo 4 agosto 2008












Caricato da isolapulita











----Messaggio originale----
Da: LUIGI.ARGENZIANO@eurizontutela.itData: 12-ago-2008 18.33
A:
Ogg: GRADITO OSPITE.

Buongiorno Signor Giuseppe,

nell'esprimere sostegno e solidarietà per le sue coraggiose battaglie civiche e ambientali,
La informo che con onore e piacere abbiamo inserito tra gli Ospiti Graditi del sito della Ns. Rete Regionale Rifiuti del Lazio http://www.rrrlazio.it/ il Link della sua Home Page.

Cordialmente.

Luigi Argenziano



da icogap@libero.it
a isolapulita


data 3 agosto 2008 6.26
oggetto ha ragione castiglione: dove sono finiti i promotori componenti del Comitato Cittadino Isola Pulita? proveniente da libero.it

nascondi dettagli 6.26 (9 ore fa) Rispondi


In effetti è logico il ragionamento contenuto nel messaggio del 31/7/2008 da castiglione:
Che fine hanno fatto il gruppo di amici che erano contro l'uso del pet coke e cosa ne pensano delle minacce subite da 2 esponenti di Isolapulita?
Forse volevano maggiore visibilità o altro?
Speriamo che rispondano e non solo con solidarietà di facciata.
Propabilmente sanno quanto è difficile operare politicamente e correttamente a Isola e quanti condizionamenti psicologici la gente è costretta a subire......
Ciao da Icogap


-------Messaggio originale-------
Da: castiglione@gmail.com Data: 31/07/2008 17.23
A: isolapulita@gmail.com
Oggetto: l’autorizzazione del petcoke

Carissimi amici di isolapulita, eccomi qui ancora una volta, scusate il modo un po’ rude da lingue biforcute ma è ciò che contraddistingue noi maremmani.
Come avrete potuto leggere ho seguito molto da vicino la vicenda che vi ha visto vostro malgrado vittime di minacce di morte.
sempre più mi stò rendendo conto che in realtà le minacce di morte, avevano un obbiettivo preciso: mettervi a tacere, spegnere i riflettori sulla pratica che riguardava la italcementi di isola: concedere alla italcementi l’autorizzazione a usare muovere a trasportare a bruciare il petcoke con buona pace dei polmoni dei cittadini si isola delle femmine. Dico questo perché è stata concessa un’autorizzazione integrata ambientale senza seguire le leggi Europee: usare le migliori tecnologie per diminuire le emissioni in atmosfera che tanto danno arrecano alla salute di chi ci vive vicino allo stabilimento. La speranza: essendo l’autorizzazione provvisoria che i nostri polmoni possano resistere, sino a quando non verrà data l’autorizzazione deifinitiva.
n.b. a proposito del comitato isolapulita ho rintracciato il comunicato di qualche mese addietro dove si comunicava i nominativi del gruppo di lavoro. Per un senso di responsabilità che dovrebbe contraddistinguere un gruppo di “amici”, sarebbe opportuno conoscere pubblicamente la loro posizione su tutta la vicenda dell’attività di isolapulita.e sul fatto che siete stati costretti a “suicidarvi”.
Un affettuoso saluto a tutto il gruppo di lavoro di isolapulita e un invito a riprendere il prima possibile la vostra attività politica a isola delle femmine.
Vi allego il comunicato con il riferimento:


Comunicato Stampa

Comitato Cittadino Isola Pulita


I cittadini di Isola delle Femmine parlano della qualità dell’ambiente in cui vivono:
Ieri 28.6.06 alle ore 21 presso la Sala Consiliare di Isola delle femmine si è svolta la Prima Riunione del Comitato Cittadino Isola Pulita nel corso dell'affollato incontro sono state messe in evidenza le principali urgenze ambientali del territorio comunale, dalla vertenza con l'azienda Italcementi (per le emissioni inquinanti, tutela della salute dei lavoratori e dei cittadini, le vibrazioni, l'impatto paesaggistico, l'attività di cava in area d'interesse naturalistico), alla minaccia di scarichi fognari del comune di Palermo all'interno dell'area marina protetta, all'antenna di rilevamento dati al servizio dell'aereoporto, ai futuri lavori delle ferrovie.
E' stata altresì data comunicazione delle attività delle associazioni ambientaliste e dei progetti per la promozione del riciclaggio e pulizia delle spiagge.
Il comitato si incontrerà con cadenza quindicinale. è stato nominato un gruppo di lavoro composto da:


P. C.,
F. Lo C.,
M. C.,
M. A.,
C. A.,
P. R.,
G. B.,
G. A.,
N. A.,
G. P.,
P. M.,
F. C..
I nomi per esteso li trovate su questo link:
http://isolapulita.blogspot.com/2006/06/comunicato-stampa-comitato-cittadino.html


-------Messaggio originale-------

Da: alessandrogradino\@libero\.it
Data: 30/07/2008 13.07.08
A: giuseppeciampolillo
Oggetto: Solidarietà MINACCE DI MORTE AL COMITATO CITTADINO ISOLA PULITA

Ciao Pino,
tempo fa ti avevo mandato un e-mail di solidarietà, ma evidentemente non ti è arrivata, colgo l'occasione per rinnovare la mia piena solidarietà nei tuoi confronti e nel tuo operato.
Appoggio totalmente il tuo pensiero e spero che tu possa continuare.

Alessandro Gradino



----Messaggio originale----
Da: risagm@gmail.com
Data: 27-lug-2008 11.35
A: giuseppeciampolillo@virgilio.it
Ogg: Re: MINACCE DI MORTE AL COMITATO CITTADINO ISOLA PULITA
Caro Giuseppe,
ti ringrazio, per avermi voluto partecipare la vostra decisione di sospendere momentaneamente, a causa dell'intimidazione grave che vi minaccia.
Nel far circolare il tuo messaggo, con i miei potenti mezzi (null'altro che qualche indirizzario) sono però così sereno e felice, come poche volte.
Non per la vostra necessità di sospendere, ma perchè anche noi che vi ascoltiamo, possiamo raccogliere la verità che nasce dalla vostra esperienza.
Questa verità è positiva!
Questa esperienza è positiva!
Ci dice anco ra una volta che dobbiamo in qualunque modo unire le forze, fissando pochi punti di riferimento.
Dobbiamo tagliare la gambe a tutti quelli che volessero partecipare portandoci una loro referenzialità personale e un loro progetto già confezionato.

Il progetto è lì. Costruito purtroppo da solo, ovvero per opera della mafia politico-criminale finanziaria.
Tentiamo ancora e sempre, fra persone trasparenti e civili, di costruire insieme la volontà di autorelazionarci, facendo convergere la miriade di piccole resistenze!

Io rinuncio fin d'ora a rappresentare qualunque ipotesi di riferimento. La aborro, la detesto.
Ritengo che soprattutto fra i giovani vadano sollevate in alto tutte le volontà appassionate e tutte le possibili determinazioni.
Non rinunciate!
Proseguiamo senza rinunce e senza abbandoni.
altrimenti in fondo cos'altro ci può rimanere ? rubare, rapinare, uccidere ?
Io sono al vostro servizio.
Umilmente, certo, perchè non posso fare di più.
ciao risagm@gmail.com


LUNEDI 21 LUGLIO ALLE ORE 10,30 UNA DELEGAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI SARA’ RICEVUTA DALLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIA


COMUNICATO STAMPA

Questa mattina, una rappresentanza delle Associazioni, che hanno sottoscritto

L’ APPELLO PER LA LEGALITA’ ED AL DIRITTO ALL’INFORMAZIONE,
ha incontrato il Presidente della Commissione Regionale Antimafia per manifestare la profonda preoccupazione per alcune intimidazioni e per il clima di tensione di cui sono stati oggetto, proprio di recente, il Comitato cittadino “Isola Pulita” di Isola delle Femmine ed alcuni suoi esponenti più in vista.
Questi ultimi, tra l’altro, hanno subito gravi minacce personali in pubblico e nei loro confronti, da tempo, viene alimentata ad arte una campagna di aperta delegittimazione, paventando che l’attività del Comitato miri, addirittura, alla chiusura del cementificio Italcementi con le conseguenti ripercussioni occupazionali. E’ stato consegnato un documento di denuncia firmato da diverse Organizzazioni.
Nel corso dell’incontro, il rappresentante del Comitato Isola Pulita ha evidenziato che l’escalation intimidatoria, oltre a limitare le libertà personali, mira essenzialmente a zittire la voce libera del Blog, in un contesto che può apparire tranquillo, ma che al suo recente attivo annovera la scomparsa di due noti imprenditori, i Maiorana, padre e figlio, e la cattura di un latitante mafioso. E Sonia Alfano ha ribadito che situazioni come quelle denunciate non possono passare sotto silenzio e che è assolutamente necessario che le Istituzioni garantiscano il rispetto della legalità e dei principi fondamentali di democrazia sul territorio. La sig.ra Accardo Rossella ha chiesto interventi concreti da parte della Commissione, affinché a partire dalla vicenda ancora irrisolta dei suoi familiari si avviino iniziative di sradicamento dal basso della cultura dell’omertà e della sopraffazione, ad esempio dall’insegnamento scolastico anche per i genitori degli alunni.
Il Presidente Speziale ha garantito la massima attenzione per i fatti descritti e le proposte formulate, impegnandosi ad intraprendere con la Commissione passi ufficiali presso gli organi istituzionali locali.


Da: info@lavoroesalute.org
Data: 07/21/08 13:59:57
A: giuseppeciampolillo@virgilio.it
Oggetto: re: IL PET COKE O LA VITA

Caro Pino, a te, a tutti i componenti del comitato, va tutta
la nostra piu' affettuosa solidarietà di lotta.
L'articolo del giornale l'abbiamo inserito su
newslavoroesalute.blogspot.com

Per la redazione
franco cilenti



Il 21 luglio 2008 13.41, Giuseppe Russello ha scritto:
Caro Pino,
con la presente sono ad esprimerti tutta la mia piena solidarietà relativamente agli episodi di cui sei stato vittima.
Purtroppo questa è una strana terra ove il concetto di giustizia e legalità coincide esattamente con la convenienza e l’interesse personale.
Ti invito a leggere l’articolo di Giorgio Bocca sull’ultimo numero dell’Espresso: la lucida analisi che questo “Vecchio Piemontese” redige sulla Sicilia e i Siciliani da una spiegazione dei mali del nostro tempo e della nostra terra.
Isola è oggi il paradigma e lo specchio di una terra senza speranza, vissuta solo da uomini piccoli alla ricerca di personali benefici che vengono di volta in volta erogati dal politico o dal mafioso di turno.
Nel rinnovarti ancora una volta la mia solidarietà e l’apprezzamento per il lavoro da te svolto, ti invito a non mollare.
Una abbraccio.
Pino Russello



2008/7/21 rinnovabili@libero.it :

Nella mia semplicità contadina mi sorge una domanda ingenua:

MA se il Ministro (fu) dell'ambiente dice
ormai da mesi, che NON SONO IN POSSESSO delle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera,
per quale diavolo di motivo non gli mettono i sigilli e bloccano tutto?

Va bene, l'Italia è sempre un paese creativo, ma che ci stanno a fare magistrati, polizia, carabinieri, e financo la guardia costiera?

ciao, Roberto
www.buonsenso.info

2008/7/20 CrazyForCarbon :


Gentile Comitato Cittadino Isola Pulita, vi esprimo la ma piu' sincera solidarietà e non aggiungo alcun commento perchè non penso sia di retorica che abbiate bisogno!
Grazie
Alberto d'Arpa
+393209317846
darpaalberto@libero.it
skype: crazyforcarbon

2008/7/20 valentina :

Buongiorno Pino Ciampolillo,

con rammarico vedo che i siciliani non le hanno dato solidarietà. Bene, io lo faccio, da siciliana emigrata a Roma.
Lavoro attivamente per un'agenzia radiofonica indipendente, AMIsnet, che fornisce contributi radiofonici ad una cinquantina di radio del movimento in Italia. Le scrivo, oltre che per comunicarle appunto la mia solidarietà, per sapere se potevamo fare un'intervista radiofonica in cui lei mi poteva raccontare cosa sta succedendo lì, le ragioni delle minacce e le vostre battaglie.


Valentina Vella



Centonove (rivista settimanale) 18 luglio 2008




Da f.solina@tin.it
rispondi a"f.solina@tin.it"

a isolapulita@gmail.com

data 4 luglio 2008 13.28
proveniente da tin.it

nascondi dettagli 13.28 (25 minuti fa) Rispondi


Ho atteso parecchio tempo per scrivere questa lettera e avrei voluto esordire con un grazie immenso a tutti colori che risiedono a Isola delle Femmine per le migliaie di e-mail che avrebbero dovuto esprimere solidarietà al Comitato Isola Pulita ed ai suoi componenti ed in particolare modo al caro Pino.

Purtroppo malgrado il tanto tempo trascorso dal triste evento accadutoci mi ritrovo a leggere solo solidarietà da persone o comitati di tutta Italia, che ringrazio notevolmente, ma nessuno di Isola delle Femmine.
Mi riferisco in particolar modo a tutte quelle persone che fino a poco tempo fa frequentavano e a volte condividevano le scelte, le idee, le battaglie sostenute da Pino.

Si proprio così, le stesse che adesso non sentono il dovere di manifestare in qualunque modo solidarietà o almeno intervenire per portare chiarezza od esprimere un semplice giudizio dell’accaduto. Nulla di tutto questo.

Eppure Pino faceva molto comodo per coloro che non avevano il coraggio di esporsi personalmente su determinati argomenti e tematiche, usavano il suo coraggio e la sua determinazione per denunciare problematiche che a volte io stesso ritenevo molto scottanti e non condivisibili.

Ho condiviso invece con Pino le iniziative intraprese per quanto riguarda il cementificio.
Non so se lo abbiamo fatto in maniera giusta o sbagliata ma tali iniziative erano finalizzate solo nel sapere se era possibile che una tale industria poteva convivere con parecchie abitazioni civili che le stanno attorno, se le sue attività produttive nocevano o no la nostra salute.
Non ho ottenuto nessuna risposta a tal proposito, ma al contrario sono stato additato assieme ai componenti del Comitato Isola Pulita come responsabile di eventuali perdite di lavoro.
Ovviamente non erano di certo i dipendenti del cementificio i nostri interlucotori. Non era certo la prima volta che vedevo i dipendenti del cementificio accanirsi contro tutti coloro che volevano solo ed esclusivamente delle risposte concrete e certe dalle autorità competenti e riuscivo anche a comprendere la loro rabbia che probabilmente scaturiva dalla possibile perdita del posto di lavoro.

Questo lo comprendo, ma non comprendo ovviamente quelle parole rivolte a me ed a Pino quel giorno in Piazza, non mi va di elencarle ma di sicuro non è così che ci si rivolge a persone che fino a prova contraria hanno manifestato preoccupazioni, perplessità, fastidi derivanti dall’attività del cementificio, sempre in maniera educata, civile e nel rispetto del prossimo.

E’ doveroso anche far presente a tutti i cittadini di Isola che io personalmente ho ricevuto telefonate da alcuni dipendenti del cementificio che esprimevano la loro amarezza nell’ essersi esposti in questa maniera e si sono mostrati molto disponibili a fare chiarezza di tutto quello che era successo.

Lo ritengo questo un grande segno di civiltà ed un grande primo passo affinché le cose si chiariscono e che il nostro caro paese sia segno di civiltà ed educazione come lo sono la stramaggioranza dei cittadini stessi.

Un grazie particolare per la solidarietà espressami dal Nostro Sindaco, con me sempre persona di alta qualità civile, e sempre pronta a rispondere a qualsiasi problema da me esposto. Ed è per questo suo senso di grande civiltà ed educazione che lo Invito personalmente a chiarire con Pino, basterebbe una stretta di mano.

Pino per la sua intelligenza ma soprattutto per la sua sensibilità è una persona capacissima ad accettare i suoi eventuali errori.

Ed è proprio per questo che avrebbe meritato tanta attenzione e solidarietà. Ma non è
mai troppo tardi.

Con affetto un vostro concittadino,

Fabio Solina.




Da: castiglione@gmail.co Data: 03/07/2008 11.23
A: isolapulita@gmail.com
Oggetto: Minacce a isola pulita

Carissimi amici di isola pulita, ancora una volta vi intrattengo con qualche riflessione.
In uno dei tanti messaggi di solidarietà che vi sono stati inviati ve nè uno che ricorda un pensiero che spesso ricorreva nelle conversazioni del compianto magistrato Giovanni Falcone:
”si muore quando si è lasciati soli”.
Questo è quello che hanno fatto i vostri amici amanti della legalità quelli del giornalino IL NOTIZIARIO. Vi hanno lasciati soli. Hanno deciso di far parte del plotone di esecuzione per eseguire la sentenza che vi hanno fatto leggere in piazza.
Ho ancora qui il giornale notiziario non una parola, non un accenno di solidarietà, di protesta di incitamento a proseguire nella vostra funzione di informazione e di denuncia.
Forse non hanno capito quelli del gruppo di Rubino che la vostra autocensura ricade negativamente su tutti i cittadini che vogliono essere partecipi alla vita politica del paese. Chiudere un blog, un giornale, una sede di associazione, impedire una libera discussione: QUESTO DEVE INTERESSARE TUTTI E DEVE ESSERE CAPACE DI ANDARE OLTRE LE APPARTENEnZE DI PARTITI o DI IDEOLOGIE.
Anche se va detto a chiare lettere che a Isola delle Femmine: dobbiamo parlare di FAMIGLIE e/o CLAN (Gruppo sociale fondato su vincoli di parentela di sangue e di interessi ricollegabili a un Capo o un antenato) L’appartenenza a un CLAN implica PRIVILEGI e OBBLIGHI. “enciclopedia TRE CANI”
Visto le coalizioni che si sono formate contro di voi, visto i silenzi, visto la scientifica ed organizzata opera di isolamento in cui vi hanno lasciato, visto le sentenze pronunciate, visto il plotone di esecuzione perfettamente schierato. A voi del Comitato non resta che prendere atto:
Na nuce d'intra nu saccu nan scruci.

Libero cittadino che oggi vive a isola delle femmine (che da oggi in poi scriverò in minuscolo in segno di lutto per la dipartita della democrazia)




Dal Giornale di Sicilia del 2.7.08 a pag 27 :

INTIMIDAZIONI a Isola
Solidarietà di Di Stefano.

Solidarietà al Comitato “Isola Pulita” per le minacce ricevute. “ I giovani del MPA –si legge in un comunicato- nella persona del loro coordinatore Giovanni Di Stefano esprimono la più profonda solidarietà al Comitato “Iola Pulita”. Nei giorni scorsi il Comitato, che insieme ai giovani M.P.A. -Movimento per l’Autonomia di Raffaele Lombardo -aveva condotto le proteste contro il pet-coke alla cementeria Isola delle Femmine, ha ricevuto delle minacce di morte”.



Da: castiglione@gmail.com
Data: 01/07/2008 15.40
A: isolapulita@gmail.com
Oggetto: Minacce al comitato isola pulita Isola delle Femmine



Carissimi di isolapulita
Prima di tutto voglio esprimere a Te e a tutti i partecipanti delle vostra associazione isola pulita, la mia personale quella della mia famiglia e del gruppo dei miei AMICI , SOLIDARIETA’ ed indignazione per quello che avete subito nella nostra bellissima piazza di isola.
Il gesto certamente da denunciare è deprecabile e indegno di un paese civile, perché penso che tutti dico proprio tutti devono avere il diritto di parlare e di dire quello che pensano. La cosa che mi sembra ancora più grave in questa vostra (io penso anche NOSTRA) vicenda che nessuno che fa politica a isola vi abbia portato la propria solidarietà e non ha ritenuto necessario denunciare il grave clima di illegalità che si respira a isola delle femmine. Trovo oltremodo scandaloso che anche il gruppo che fa capo a bologna e a Rubino non ha denunciato e non si sia fatto promotore di qualche iniziativa di solidarietà, forse questo vi era dovuto visto la vostra vicinanza al gruppo del consiglio comunale insieme e del loro giornale notiziario. Tutti a isola delle femmine sappiamo che la situazione non è delle più vivibili dal punto di vista sociale, ma nessuno parla, dice niente. Prendiamo per esempio l’ultima notizia che riportano i giornali dei rapporti tra il Comune di Isola delle femmine la italcementi con in mezzo da mediatore la mafia cioè SIINO (pentito di mafia) che parla di terzo forno di andate a roma di “donazioni”. Ecco come ha cambiato la vita economina e sociale di Isola delle femmine questa presenza, e questi tipi di rapporti, Perché a isola ogni volta che si parla del cementificio tutti scattano in piedi e si uniscono? Noi cittadini che siamo chiamati palermitani ci saremmo aspettati che, certamente non Bologna figlio di quei tempi, ma Rubino poteva parlarne nel suo comizio, ma Rubino Bologna e... come tutti gli altri politicanti di isola niente, meglio tacere e se ci sono le persone come voi che ne parlano è meglio promettergli delle belle casse da morte.
Per dimostravi che non conto balle andate a leggervi quste dichiarazioni:
http://www.antimafiaduemila.com/content/view/7582/78/

Liberi cittadini di palermo che vivono a isola




Stevanoni cristina
a Pino Ciampolillo

data30 giugno 2008 14.15
oggettoRe: Solidarietà

nascondi dettagli 14.15 (38 minuti fa)


Forza e coraggio, sono tempi duri, e più duri dove la minaccia è da sempre
più aperta e pesante. Se serve, facciamo un gemellaggio. E facciamo girare
girare la notizia fin dove è possibile. Abbracci. C.Stevanoni


Da: icogap@libero.it
Data: 30-giu-2008 8.13
A:
Ogg: R: Isola delle Femmine

Caro Pino, seguo le numerose ATTESTAZIONI DI SOLIDARIETA' CHE CONTINUANO A PERVENIRE AL TUO BLOG, FUORI DI ISOLA C'E' UNA FORTE SENSIBILITA'


MA QUI' SIAMO ANCORA AL TERZO MONDO : SOLO INTERESSI DI INFIMA BOTTEGA!
APPERNA CI VEDIAMO TI RACCONTO TUTTE LE SCENEGGIATE CHE STANNO ACCADENDO SULLA COMPOSIZIONE DELLE LISTE !!!!!!!!!!!!!
ANCHE SE TU PER INTUIZIONE GIA' PER TEMPO E NON CERTO PERCHE' SEI UN PROFETA IN PATRIA CON UN'ANALISI CORRETTA COM'E' NEL TUO STILE TUTTO CIO' LO HAI ANTICIPATO.
Tuo Pino



Da: rosangelaarcidiacono@yahoo.com
Data: 30-giu-2008 11.50
A: "giuseppeciampolillo@virgilio.it"
Ogg: Re:a Isola delle Femmine Comitato Cittadino Isola Pulita



Stimatissimo Pino,
Ti stimo ed apprezzo per il lavoro costante che portate avanti. Mi chiamo Rosangela, sono della provincia di Catania ma ho vissuto per molti anni fuori tra iItalia ed estero e fortunatamento o avuto modo di vedere diverse realtà che oggi mi hanno spinta ad essere chi sono.
Con questo non voglio esaltare la mia persona...anzi. Forse sono fin troppo umile e discreta per sopportare una realtà che reputo assolutamente ingrata, fatta da gente individualista, ignorante che non ha idea di cosa significhi crescere per se stessi e per chi gli sta intorno.
Ho studiato per anni fuori, ho preso laurea, specializzazioni all'estero imparando due lingue quasi perfettamente, ho fatto una marea di corsi per approfondire le mie conoscienze. Non vi elenco il tutto per mettermi in mostra..non me ne frega nulla. Vorrei solo che questa terra possa diventare soloi un pò legittima almeno nelle cose normali ed essenziali.
Il lavoro. Sono disoccupata da sempre, se nn fosse stata per qualche esperienza all'estero. Davanti ai miei occhi ho visto passare gente che non ha nemmeno un'idea lontana di cosa significhi professionalità, studio nma che intanto si trova a dirigere posti di prestigio facendo si che questa povera terra continui ad essere sempre il peggio. Fino a ieri una notizia che mi ha fatto quasi morire..pagando 15.000,00 euro molti sono riusciti ad entrare all'Assessorato ai beni culturali. Ditemi se questo debba rimanre tacito a tutti o se bisogna fare qualcosa.
Io sono disgustata da questa società. Da questa gente che non merita questa terra meravigliosa, di essere vittima di questa merda di politica e di gente che vale molto poco.
Io voglio lottare.
Spero che queste parole vi arrivino. La disperazione in questa terra è comune. Non appartiene solo a pochi.
Grazie per avermi permesso di sfogarmi.
Rosangela



Da: salvo_vitale@virgilio.it
Data: 30-giu-2008 12.05
A:
Ogg: solidarietà da inviare a isolapulita@gmail.com grazie Pino Ciampolillo

Naturalmente hai la solidarietà della mia Associazione (Associazione
Culturale Peppino IMpastato-Casa memoria, Cinisi e quella di Telejato,
che ha già trasmesso il vostro comunicato. Spero che la vostra presa di
posizione sia più provocatoria che reale, perchè non ci si può
arrendere davanti a dei mascalzoni. Ciao.




Buongiorno Comitato Cittadino Isola Pulita

un utente ha postato un nuovo commento in seguito al tuo:

Postato il Zerbo Gioacchino, 29-06-2008 21:13,
1. attenzione
Vi ho mandato dell'email, vi ho carcato al comune, ma dove siete e ricevete solo alcuni o ogni siciliano lo può fare se ne sentisse il bisogno?
Vi saluto

http://www.unaltrastoria.org/index.php?option=com_content&task=view&id=138&Itemid=2


Il 30 giugno 2008 6.44 Stevanoni cristina cristina.stevanoni@virgilio.it ha scritto:

Vi prego di accogliere questo messaggio di sentita solidarietà, e insieme anche l’auspicio che il vostro impegno non vada perduto. Capisco, questo che vi minaccia è un messaggio di morte. Ma non lasciate cadere. Divulgate la notizia, e scrivete al Capo dello stato che non sono le parolacce chi chiedono il suo intervento, ma le cose come questa che vi accade. Se posso darvi un consiglio: sulla tabella che porta scritto il nome della piazza da dove siete stati minacciati, cercate di sovrapporre, con il nastro biadesivo, senza deturpare (!!!), un cartello con su bene scritto, a imitazione dell’originale:

PIAZZA
MINACCIA DI MORTE


Lo fotografate, e lo mandate al capo dello Stato, con le vostre osservazioni. Ma certo, io non sono lì.
Cristina Stevanoni





Il 29 giugno 2008 17.43, mario palmieri palmieri.mario@gmail.com ha scritto:

commento alla vostra decisione di siglare la "resa"Ad Isola delle Femmine
Proprio ieri sera ,sul tardi, su Rai 3 mi sembra, hanno trasmesso
un servizio di ricordo sulle figure di Giovanni Falcone e
Paolo Borsellino;
oggi ho ricevuto da voi questa tristissima comunicazione.

Il desiderio di lasciare questo paese si fa ogni giorno in me più forte ;
parlare oggi ,realizzare oggi in questa situazione politica cultura è semplicemente utopico ed infantile dal punto di vista della ragione ma so che nonostante tutto io rimarrò perchè sento che qui sono chiamato a lottare e consumare la mia scelta di cultura teatrale che ho abbracciato quotidianamente con infinite difficoltà umane ,economiche e sociali.
Quando il giornalista ha chiesto a Falcone perchè continuasse ,nonostante le difficoltà ed i pericoli ogni giorno più grandi, ha semplicemente risposto

"Amore di servizio";

e Borsellino che sentiva segnata la sua vita dopo la morte del suo amico Giovanni Falcone, a chi lo invitava a lasciare rispose :

"Rimango come è rimasto Giovanni;ma devo fare presto mi rimane poco tempo ed ho così tante cose ancora da portare a termine ;spero di riuscirci"


Non voglio chiedervi di fare la scelta che Falcone e Borsellino fecero di fronte alla certezza di morire ;
nessuno ha diritto di chiedere a nessuno di essere eroe;
ma se voi abbandonate il vostro impegno di fronte alle minacce ed alla violenza ,tutti quelli che continuano nonostante tutto e tutti saranno lasciati ancora più soli e come diceva spesso Giovanni Falcone

"E' quando si rimane soli che si comincia morire ".

Vi abbraccio con tutto il cuore ,rimando accanto a voi in ogni vostra scelta perchè non siate mai soli!
Mario Palmieri



MINACCE DI MORTE AL COMITATO CITTADINO ISOLA PULITA
creato da Gian Joseph Morici - Ultima modifica 28/06/2008 17:32


Quando si vanno a toccare determinati interessi, può accadere anche che si subiscano conseguenze quali quelle toccate in sorte a due componenti del Comitato Isola Pulita.

Se non fosse per internet e grazie ai tanti siti tematici e all’operato dei bloggers, che riescono a fare informazione, da molti “Media Doc”, non sapremmo nulla.

L’isolamento e la censura, sono le armi più efficaci per combattere contro chi chiede soltanto di veder rispettati i propri diritti.

Anche noi, abbiamo subito e continuiamo a subire l’arroganza di chi, certamente in maniera non disinteressata, si adopera costantemente, affinché esista solo un’informazione di parte, che stranamente coincide sempre con quella del potere economico.

Ma quando questo non è sufficiente, non è raro che si verifichi il ricorso alle minacce o alla messa in atto delle stesse.

E anche sotto questo aspetto, non ci mancano esperienze dirette.

Anche in questo caso, la censura da parte di chi detiene il potere dell’informazione, ha un ruolo determinante.

Il Comitato Cittadino Isola Pulita, di Isola delle Femmine, si batte da tempo in favore della legalità, dell’ambiente, dello sviluppo e della trasparenza nella Pubblica Amministrazione.

Tra le attività del Comitato, anche quella diretta contro l’utilizzo del Pet Coke, da parte della locale cementeria, come combustibile.


Leggiamo sul sito del Comitato (http://www.isolapulita.it ), il seguente comunicato:


Il Comitato Cittadino Isola Pulita a seguito delle gravissime minacce di morte rivolte contro due nostri esponenti ha deliberato l’interruzione immediata di qualsiasi attività politica sul territorio e conseguentemente la chiusura del sito web “Isola Pulita”.
Le minacce sono state pronunciate pubblicamente nella piazza Umberto I a Isola delle Femmine.
La decisione è scaturita per una salvaguardia della incolumità fisica dei componenti del Comitato e delle proprie famiglie.
Ammettiamo pubblicamente di aver fallito la nostra “missione”:
parlare di legalità,
di ambiente,
di amministrazione,
di trasparenza,
di sviluppo,
di territorio,
di crescita sociale e culturale della nostra COMUNITA’.
Il nostro intento: dare un contributo per favorire il dialogo e il confronto civile attraverso la partecipazione di tutti i CITTADINI.
AVETE LA NOSTRA RESA !
Il Comitato Cittadino “Isola Pulita”




Video MINACCE DI MORTE AL COMITATO CITTADINO ISOLA ...

http://dailymotion.alice.it/video/x5rc2j_minacce-di-morte-al-comitato-cittad_news


Nell’esprimere la nostra solidarietà ai due componenti del comitato che hanno subito le minacce di morte, li esortiamo a non arrendersi, lasciando così il campo libero a chi in maniera delinquenziale, intende imporre la propria volontà, in danno della collettività.

http://www.lavalledeitempli.net/minacce-di-morte-al-comitato-cittadino-isola-pulita

marcellolocascio@libero.it
a me
mostra dettagli 20.09 (14 ore fa) Rispondi


Nel confermarti la mia stima e solidarietà che meriti,sono a tua disposizione per utilizzare tutte quelle forme che abbiano come fine il ripristino della legalità. Con amicizia Marcello.--------


keira 555666555

Peppino sarò una tua grande seguace...w Grillo...w la giustizia...w borsellino-Falcone-Schillaci-La Torre....siete grandiiiiii....a casa i politici mafiosi...cioè tutti...basta abbassare la testa...l'Italia stà andando al collasso...e io non c'è la faccio più a vivere in un mnondo così....

da turi rassu
a isolapulita@gmail.com

data 27 giugno 2008 2.09
oggetto solidarietá
proveniente dahotmail.com

nascondi dettagli 2.09 (5 ore fa) Rispondi


Come cittadino Siciliano voglio esprimere la mia solidarietá al vostro comitato, sperando che la vostra assenza non sia definitiva e che presto la vostra attivitá torni a svolgere quella funzione per la salvaguardia della legalitá all'Isola delle Femmine.

Saluti!

Turi


Gentile Responsabile,
Sono Simona Petaccia
e le scrivo per comunicarle che ho pubblicato la notizia relativa alle minacce di morte subite dal Comitato Cittadino ISOLA PULITA sul mio blog “INFORMAZIONE // COMUNICAZIONE” (http://simonapetaccia.blog.dada.net/): spazio web da me utilizzato per pubblicare notizie che reputo interessanti, attraverso articoli miei o di colleghi del mondo dell'Informazione/Comunicazione.
Nel suddetto post, ho anche aggiunto un codice di riferimento in modo da permetterle di verificare il feedback proveniente dalle mie pagine Web.
Sperando di averle fatto cosa gradita, le invio i miei più cordiali saluti.
Simona Petaccia
Sito Web: http://guide.dada.net/giornalismo
Blog: http://simonapetaccia.blog.dada.net/
E-mail: spetacc71@supereva.it


Da: http://www.balestratesi.it/default-category/minacce-al-comitato-cittadino-isola-pulita.html#maxcomment524

GIUSTO! non buttate la spugna!
Scritto da: Mies (Membro ) 23-06-2008 16:37
giusto non va buttata la spugna! Siete stati grandi! continuate ad esserlo!

tristezza
Scritto da: kitty (Membro ) 23-06-2008 06:15
che tristezza profonda che lasciano queste notizie...
ragazzi non mollate la sicilia ha bisogno di gente come voi!
vi sono vicina!

vergogna!!!!!!!!!!!!
Scritto da: Dany (Membro ) 22-06-2008 13:37
Quanto accaduto è profondamente triste! spero sia fatta luce al più presto sul caso, perchè è vergognoso che a delle persone che vogliono solo il bene per il proprio territorio venga tappata la bocca così!!!Vergognatevi

non gettare la spugna
Scritto da: trinacria (Membro ) 22-06-2008 08:29
vedo che quando ci sono situazioni spinose come queste nessuno osa fare commenti.
nel libro di camilleri non sento non vedo non parlo.
non credo si risolva buttando la spugna che si risolvano le cose, principalmente nel rispetto di chi vi ha seguito.
la sicilia ha bisogno di un ricambio culturale, ma senza azioni eclatanti e destabilizzanti.
resta cmq la mia solidarietà affinchè continuate in quello che credete per una sicilia migliore nel rispetto delle regole e per creare le condizioni per un futuro migliore.

zerotina 22-06-2008 13:43

hai ragione siamo in troppi a non farcela più ma è proprio nel ricordo di questi uomini che dobbiamo resistere, andare avanti, credere in una società finalmente onesta, pulita..
GLI UOMINI CHE LA MAFIA HA UCCISO SARANNO VIVI SEMPRE NELLE NOSTRE COSCIENZE !!!

TESCARO TIZIANO
Comunicazione & Pubbliche Relazioni
http://tescaro.blogspot.com
E-mail and Messenger: goldmodel@msn.com
Phone (+39) 347-1280741
Skype callto://gold.model
*************************************


Spett.le Comitato isola Pulita,

vi esprimo la mia solidarietà per le minacce che avete subito, è un peccato
sapere che chiudete il vostro blog.

Tenetemi informato su eventuali sviluppi e mi auguro che siano positivi e
buone notizie direttamente al mio blog http://tescaro.blogspot.com/
Distinti saluti
Tiziano Tescaro


Da: antonio\.fico74
Data: 06/21/08 18:11:51
A: giuseppeciampolillo
Oggetto: solidarietà antonio fico


Caro Pino,

a te e tutti gli aderenti all’associazione “Isola Pulita” va tutto il mio sostegno e la mia solidarietà per le minacce subite.
Ci siamo ritrovati su battaglie comuni che riguardano la tua Sicilia, la terra che ami tanto. Ho imparato a conoscere la limpidezza e la coerenza del tuo impegno, lo spirito di sacrificio che appare spesso incompreso anche alle persone più vicine.
La lotta alla mafia e all’illegalità può apparire a volte insostenibile anche per l’isolamento in cui ci si trova a vivere, ad immaginare una società senza soprusi e sopraffazioni. Quella è la prima battaglia da vincere.
Sono con te, siamo con te. Non mollare

Con infinito affetto e ammirazione

Antonio Fico, giornalista


From : "Barbara Grimaudo" cittadiniinvisibili@hotmail.it
To : asso_di_quadri_1@libero.it, isolapulita@gmail.com, cittadiniinvisibili@hotmail.it
Cc :
Date : Sat, 21 Jun 2008 13:47:21 +0200

Subject : CONOSCO LA VOSTRA TERRIBILE VICENDA

CARISSIMO PINO CIAMPOLILLO, HO SEGUITO LA VOSTRA VICENDA. L'HO GIRATA A TAPPETO. MI SIETE NEL CUORE. E' PROPRIO PER QUESTO CHE OCCORRE FARE RETE ED ORGANIZZARE SEMPRE PIU' INIZIATIVE COME QUELLA CHE ABBIAMO ORGANIZZATO PER L'AMICO PINO MANIACI. ANCHE PER VOI. RESTIAMO IN CONTATTO. GIRERO' QUESTA TUA AGLI AMICI GRILLI DI RAGUSA ED A CARLO.
CIAO BARBARA!
TI LASCIO ANCHE I LORO REC.

GUARDA I PRIMI VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA.

http://it.youtube.com/watch?v=vLQk1UBJ5F4
SITO DEL MOVIMENTO DEI GRILLI RAGUSANI
http://beppegrillo.meetup.com/754/boards/Nello Lo Monacogrilliragusani@email.it335-7126791 Peppe Occhipintipeppeocchi@gmail.com333-4697183

Keira 555666
Il popolo italiano dovrebbe ribellarsi...come faceva secoli e secoli fà..per ottenere qualcosa...basta stare a guardare chi dovrebbe solo rappresentarci e invece ci comanda e decide per noi......GLI UOMINI CHE LA MAFIA HA UCCISO SARANNO PER SEMPRE DENTRO IL MIO CUORE..CERCHERò IN TUTTI I MODI DI PROSEGUIRE PER LE LORO STRADE...è QUELLO PER CUI VIVO...

Gianluca Congiusta

2008/6/21 mario :

Capisco la Vs decisione di fronte a minacce di morte di volersi arrendere e come i più passare alla fase "io mi faccio i fatti miei" ma se tutti facciamo così non ci sarà speranza per un sud liberato dalle mafie.
Avete la mia incondizionata solidarietà per queste ignobili minacce ma Vi invito a continuare nella Vs lotta che è di tutti gli onesti.
Un abbraccio di incoraggiamento
Mario Congiusta
Via M. Bello !7
89048 Siderno
http://www.gianlucacongiusta.org/joomla/
338-2059700

#2 22 Giugno 2008 - 21:11

Domenica 22 Giugno 2008

dal Libro di Geremia 20,10-13.

Sentivo le insinuazioni di molti: "Terrore all'intorno! Denunciatelo e lo denunceremo". Tutti i miei amici spiavano la mia caduta: "Forse si lascerà trarre in inganno, così noi prevarremo su di lui, ci prenderemo la nostra vendetta".
Ma il Signore è al mio fianco come un prode valoroso, per questo i miei persecutori cadranno e non potranno prevalere; saranno molto confusi perché non riusciranno, la loro vergogna sarà eterna e incancellabile.
Signore degli eserciti, che provi il giusto e scruti il cuore e la mente, possa io vedere la tua vendetta su di essi; poiché a te ho affidato la mia causa!
Cantate inni al Signore, lodate il Signore, perché ha liberato la vita del povero dalle mani dei malfattori.


http://www.vangelodelgiorno.org/popup-reads.php?language=IT&ordo=IT&title_bold=1&localTime=06/22/2008&admin=


Da: Tommaso Sodano antonio.fico74@libero.it
Data: 20-giu-2008 15.56
A: "giuseppeciampolillo"
Ogg: lettera Sodano, solidarietà a ciampolillo

Esprimo

piena solidarietà a Pino Ciampolillo e alle altre persone aderenti al comitato Isola Pulita.

Apprendo con viva partecipazione delle minacce subite. Sono con voi.
La lotta all'illegalità e alle mafie è una battaglia dura perché significa innanzitutto lotta al modo di pensare, alla deformazione culturale che vede spesso una convergenza inaccettabile tra criminalità organizzata e settori della società civile e pezzi della pubblica amministrazione.

Ho subito io stesso minacce dalla camorra e sono stato costretto a girare con una scorta per molto tempo.
So cosa vuol dire vivere con la paura, non è un esercizio facile.
Vi invito a resistere. La vittoria sulle forze criminali parte dagli esempi, in attesa di una mobilitazione generale che prima o poi arriverà. Ed il vostro esempio è di limpida e coraggiosa coerenza.

Con stima e affetto

Tommaso Sodano, ex presidente della commissione Ambiente del Senato


#1 20 Giugno 2008 - 14:51

http://isolapulita.splinder.com/post/17455024/CHIUSURA+PER+MINACCE+DI+MORTE


Ama il tuo nemico,perchè che vantaggio hai se ami solo quelli che ti sono amici,non fanno lo stesso i malviventi amando i loro cari.
Non fanno gli stessi che sperano in un vantaggio.
Per questo si risponde ad un'opera doverosa"prego, prego,non c'è di chè"
Se trovi il suo asino nella campagna,sperduto,sfamalo,dissetalo e riportalo al suo proprietario.
Se fosse uno gioco,per paragone,sii sportivo senza acrimoniosa amarezza.
La vostra operà è per il bene anche di loro,forse è stata fatta con troppa presunzione.
Il fine dell'opera deve mirare alla pace.
Riprendi il saggio e ti amerà,riprendi lo stolto e ti odierà.
Trà persone sagge c'è accordo trà persone stolte c'è contesa.
L'amore è il fine della legge.
L'amore si semina in uno stato ubertoso diversamente si avranno guai.
Comunque fatemi sapere gli sviluppi.
Un caloroso saluto sperando che queste persone si rendano conto che combattete contro le opere non le persone.
A queste persone mando un'invito.
Amatevi pazzamente oppure ucciderete l'amore per sempre,e una paurosa aspettazione di cose terribili vi porterà a una vita disperata.
Non facendovi manipolare da interessi.
Ricordandoci che tutti dovremo morire,prima o poi.
Dunque coraggio.

Dist.saluti Eugenio Fava.


Prot.24/08
Egr.Presidente
COMITATO ISOLA PULITA
PINO CIAMPOLILLO
Isola delle Femmine





Roma, 18 giugno 2008


L’Associazione PENELOPE, che rappresenta le famiglie delle persone scomparse, tramite la nostra rappresentante regionale del Comitato Penelope Sicilia Dott.ssa ROSSELLA ACCARDO, desidera esprimere il sostegno e la vicinanza a Lei personalmente e a tutto il COMITATO ISOLA PULITA per l’importante battaglia che state portando avanti a favore dei cittadini e del territorio.

Desideriamo inoltre esprimere il nostro sdegno per le minacce ricevute, indegne di un Paese civile, verso chi si batte per la difesa della legalità e della cittadinanza nel rispetto dei diritti umani e civili.

Siamo pronti a condividere con voi queste minacce, perché il nostro impegno verso le famiglie che cercano verità e giustizia sui loro cari scomparsi, non sono valori diversi da quelli che animano la vostra missione verso la difesa dei cittadini più deboli e più indifesi.

Con ammirazione e stima porgiamo i nostri più distinti saluti.

ELISA POZZA TASCA
presidente nazionale


Da: Rosella Accardo
Data: 16/06/2008 19.54.22
A: giuseppeciampolillo@virgilio.it Comitato Cittadino Isola Pulita

Palermo, 16 giugno 2008
Giuseppe carissimo,
apprendo con sgomento della Vs volontà di chiudere il sito di “Isola pulita”.
Sai quante ore abbiamo dedicato e dedicheremo al progetto di cambiamento del ”modo di pensare e di Fare” in Sicilia…..
La Sicilia è Terra Madre! Mai matrigna per nessuno di noi….
anche se oggi la scomparsa di mio Figlio Stefano mi mette a dura prova, l’amore incondizionato per questa Terra meravigliosa, diventa moto perpetuo in me quale inesauribile coraggio e volontà nel lottare contro tutti i nemici invisibili che si annidano, da vil traditori, fra le pieghe innumerevoli del manto di carità di quella che ancora una volta chiamo… Madre Terra…
Resisti, resisti, resisti….noi cellule sane, noi pieni di ideali, noi vilipesi ed additati “diversi”…NOI VINCEREMO!
Non siamo soli e pensare all’unisono ci fa ancora più forti, per cui non pensare mai di arretrare rispetto a chiunque, figlio dell’ignoranza, voglia barattare la conoscenza con l’oblio.
Giuseppe Ciampollillo responsabile di un sito informatizzato nel territorio di Isola Delle Femmine: giuseppeciampollino@virgilio.it
Pino, come lo chiamiamo noi, è il grillo parlante della situazione…libertà,legalità,trasparenza,tutela dell’ambiente… i suoi obbiettivi e non solo:
ci è stato vicino durante le manifestazioni svolte ad Isola ed ha distribuito il dato alle TV locali.
Oggi viene minacciato da taluni locali laddove parla della Cementeria di Isola(trattasi di uno scandalo di eco nazionale) senza “peli sulla lingua”….
Il suo gruppo è coraggioso ma…. l’amarezza li assale e vorrebbero chiudere il sito!
Sto facendo un passaparola fra i miei riferimenti associativi, al fine di far pervenire a Pino più momenti di solidarietà per incoraggiarlo a portare avanti le lotte che ha abbracciato.

Augurandoti tutto il bene del mondo, ti abbraccio affettuosamente


vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvT.V.B. Rosssella


http://isolapulita.splinder.com/post/17490050/CHIUSURA+PER+MINACCE+DI+MORTE+

#1 17 Giugno 2008 - 12:39

il comitato di quartiere "Pisana 64" esprime la propria solidarietà e vi invita a continuare e dare informazione nel rispetto della legalità, trasparenza,
pisana64



---------- Forwarded message ----------
From: "Gioacchino Genchi"
Date: 16 Giu, 11:51
Subject: minacce di morte
To: Decontaminazione Sicilia


Confermo la mia presenza alla riunione del 18 p.v., ore 16:30, a Palermo
presso il WWF. La gravissima situazione determinatasi ad Isola delle Femmine
e la *solidarietà concreta* da manifestare a Ciampolillo ed al Comitato mi
fanno passare in secondo ordine qualsiasi altro avvenimento concomitante
(peraltro annunciato dopo la convocazione di Palermo).
Ino


Da maria gabriella filippazzo
rispondi a decontaminazionesicilia@googlegroups.com

a decontaminazionesicilia@googlegroups.com

data 16 giugno 2008 16.36
- riguardo alla solidarietà, è certo che ci sto. Ma mi piacerebbe fare qualche cosa di più concreto di un sit in.
- Per la contemporanea riunione nel mio ospedale (e concordata da 1 mese con altri che vengono da CT), non potrò essere alle 16.30 alla riunione del WWF, ma è come se ci fossi.
- Ho una certa perplessità perchè, comunque, mi riesce difficile dimenticare la cortina di ostilità che "i lavoratori della Italcementi" fecero nei confronti miei e di Ernesto, in occasione di quella tremenda trasmissione TV a Isola, l'anno scorso. C'erano anche Ino e Mario che certo lo ricorderanno.
Aspetto vostre notizie.
Gabriella


Da Mario Casella rispondi a decontaminazionesicilia@googlegroups.com


data16 giugno 2008 12.47
oggetto[decontaminasicilia] [Fwd: [decontaminasicilia] Re: minacce di morte]

Ricordo che la riunione "odg: nuovo piano rifiuti" si terrà presso la CGIL di Catania.
La gravità dei fatti avvenuti richiede una risposta e una forte solidarietà, non credo ci siano dubbi sulla serietà della vicenda conoscendo le battaglie condotte da Pino Ciampolillo.
Andare a Catania, per discutere intorno ad un tavolo su un possibile piano rifiuti che, a mio giudizio, non verrà mai preso in considerazione, è forse da ....
Rilancio l'invito per coloro che sono disponibili, hanno sufficiente intelligenza ed hanno una sensibilità verso il prossimo.
L'appuntamento è giorno 18 giugno, mercoledì prossimo, presso il WWF Sicilia a Palermo in via Enrico Albanese, 98 alle ore 16,30.


On 15 Giu, 16:30, pax.sile...@yahoo.com wrote:On 15 Giu, 17:05, ciampolillo wrote:

l’interruzione immediata di qualsiasi attività politica sul territorio

Tanto ormai Stato e mafia son la stessa cosa:

http://www.google.it/search?hl=it&q=Alfano+Croce-Napoli+mafia&meta=
Il Ministro degli Interni (Maroni) è stato condannato per aver preso a
morsi un poliziotto, quello della giustizia invece andava a baciare i
boss mafiosi: manca solo Riva come Ministro dell'Ambiente.

e conseguentemente la chiusura del sito web “Isola Pulita”.

Secondo me è un errore: quelle bestie si combattono soprattutto con
l'informazione.


---------- Forwarded message ----------
From: "dicaduca"
Date: 15 Giu, 17:26
Subject: MINACCE DI MORTE AL COMITATO CITTADINO ISOLA PULITA
To: italia.taranto.discussioni


"ciampolillo" wrote in message

news:053bf546-4c42-4001-b48d-9304d293d72c@m36g2000hse.googlegroups.com...

Isola delle Femmine 12 giugno 2008-06-12
MINACCE DI MORTE AL COMITATO CITADINO ISOLA PULITA
---------------------------------------------------------------------------­----

per quel che può valere, hai, avete, la mia solidarietà

d'altra parte, fra avere "l'isola pulita" e finire come il consigliere
leccese giuseppe basile c'è poco da scegliere
l'importante è aver mostrato da che parte stare


da maria gabriella filippazzo
rispondi adecontaminazionesicilia@googlegroups.com

a decontaminazionesicilia@googlegroups.com

data16 giugno 2008 10.46
oggetto[decontaminasicilia] Re: minacce di morte
mailing list Filtra i messaggi di questa mailing list
proveniente dagooglegroups.com
firmato dagooglegroups.com


Il 18 sembra un giorno perfetto per tutte le riunioni:
- alle 15.30 ne avevo già organizzato una io nel mio ospedale su un progetto di promozione della salute (viene anche gente di CT) e non posso spostarla;
- alle 16.30 riunione al WWF a cui, ovviamnet non potrò partecipare;
- alle 18.30: riunione sul nuovo piano rifiuti alla CGIL, di cui mi ha mandato comunicazione Paolo Guarnaccia, alla quale spero di poter andare, anche in ritardo.
Spero di non accochiare altre riunioni.
Gabriella Filippazzo

Sono disposta a firmare una richiesta di intervento alla Procura della repubblica.
Vorrei che lo redigesse un avvocato o, comunque, qualcuno che sappia descrivere i fatti e li sappia fare diventare oggetto di denuncia.
Gabriella Filippazzo






Date: Fri, 13 Jun 2008 02:57:29 +0200


To: decontaminazionesicilia@googlegroups.com; reterifiutizerosicilia@googlegroups.com; italotripi@sicilia.cgil.it; massa.d@alice.it; fr.campagna@libero.it; venere.anzaldi@virgilio.it; renato.franzitta@tin.it; alberto.lombardo@unipa.it; vincebonomo@tiscali.it; paoloargentini@yahoo.it; exit@la7.it; ballaro@rai.it; annozero@rai.it; m.gabanelli@rai.it; giusto.catania@europarl.europa.eu; gchiesa@europarl.eu.int; antonio.fraschilla@virgilio.it; rocre@katamail.com

Subject: [decontaminasicilia] minacce di morte


----Messaggio originale----Da: noreply-comment@blogger.com
Data: 16/06/2008 8.11
A:
Ogg: [rinascita-di-isola] New comment on CHIUSURA PER MINACCE DI MORTE.

Anonymous has left a new comment on your post "CHIUSURA PER MINACCE DI MORTE":

ma sta denuncia l'hai presentata?



Posted by Anonymous to rinascita-di-isola at 11:11 PM



----Messaggio originale----
Da: orazio_4@inwind.it
Data: 16-giu-2008 9.28
A: "giuseppeciampolillo"
Ogg: Re:da isola delle femmine

Ciao Pino,
ho letto questa storia delle minacce e mi dispiace. Spero riprenderai in maniera più decisa e fin da subito la tua attività, che fino a oggi a mio parere, è l'emblema di una viva lotta all'insegna delle proprie idee.
Leggendo sul blog ho visto che hai pubblicato l'articolo che ci avevi sottoposto. Credo, in nome della trasparenza e della lealtà verso tutti i tuoi tanti lettori, che dovresti sostituire l'introduzione:
"Questo articolo e’ stato inviato al mensile “il notiziario”, sembra che la redazione non abbia inteso pubblicarlo per una semplice ragione:
“il quieto vivere”."

Con la seguente:
"Questo articolo e’ stato inviato al mensile “il notiziario”, e che la redazione non ha voluto pubblicare per una semplice ragione: “Io, Pino Ciampolillo, non l'ho voluto firmare. Visto il mio rifiuto, i ragazzi della redazione hanno deciso di firmarlo previa una revisione nei punti meno condivisi e io, Pino Ciampolillo, mi sono rifiutato."

Credo questa sia la realtà.
Resto in attesa di tuoi chiarimenti.

PS. Ho scritto solo a te per evitare situazioni spiacevoli ma capisci bene che il desiderio di far pervenire questa precisazione a tutti i lettori del blog è forte e sincera.

In Amicia
Orazio


CHIUSURA PER MINACCE DI MORTE

Isola delle Femmine 12 giugno 2008-06-12
MINACCE DI MORTE AL COMITATO CITADINO ISOLA PULITA
Il Comitato Cittadino Isola Pulita a seguito delle gravissime minacce di
morte rivolte contro due nostri esponenti ha deliberato l’interruzione
immediata di qualsiasi attività politica sul territorio e conseguentemente
la chiusura del sito web “Isola Pulita”.
Le minacce sono state pronunciate pubblicamente nella piazza Umberto I a
Isola delle Femmine.
La decisione è scaturita per una salvaguardia della incolumità fisica dei
componenti del Comitato e delle proprie famiglie.
Ammettiamo pubblicamente di aver fallito la nostra “missione”:
parlare di legalità,
di ambiente,
di amministrazione,
di trasparenza,
di sviluppo,
di territorio,
di crescita sociale e culturale della nostra COMUNITA’.
Il nostro intento: dare un contributo per favorire il dialogo e il confronto
civile attraverso la partecipazione di tutti i CITTADINI.
AVETE LA NOSTRA RESA !
Il Comitato Cittadino “Isola Pulita”

http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/


Fabrizio Nigro a decontaminazio.
mostra dettagli 7.39 (2 ore fa)
concordo. sarò presente.
saluti
Fabrizio Nigro
Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sez. Palermo
Via Ugo La Malfa, 153
90146 Palermo - Italy
Sito internet: http://www.pa.ingv.it/



A Lecce assassinato consigliere dell’Italia dei Valori
Pubblicato il 15 Giugno 2008 da Ana
La scorsa notte é stato assassinato Giuseppe Basile, di 62 anni, consigliere provinciale leccese dell’Italia dei Valori (Idv), con 11 coltellate.


Il tragico evento si é verificato esattamente a Ugento, comune del Salento nel quale la vittima viveva.
Gli assassini hanno atteso che il consigliere rientrasse a casa, verso l’1 di notte, attirandolo per freddarlo e lasciarlo a terra. L’uomo ha attirato i vicini che hanno immediatamente chiamato i soccorsi anche se, purtroppo, non c’è stato niente da fare.
Le piste che adesso gli inquirenti stanno seguendo sono quella passionale e quella politica. In questo caso, é emerso che durante la campagna elettorale che lo aveva portato all’elezione a consigliere provinciale e nel comune di Ugento, a consigliere comunale di opposizione (a Ugento c’è una giunta di centrodestra) Peppino Basile si era battuto perchè ai cittadini venissero riconosciuti tutti i propri diritti.
Qualche mese fa, tra l’altro, la vittima aveva trovato la testa mozzata di un mulo, un chiaro segnale di minacce. In quell’occasione, Carlo Madaro, ex magistrato ed esponente salentino dell’Italia dei valori, gli aveva consigliato di denunciare l’accaduto ma aggiunge di non sapere se poi Basile lo avesse fatto. Circa tre anni fa a Basile era stata fatta arrivare una busta con un proiettile, ha aggiunto Madaro.
Basile aveva capitalizzato inimicizie, per la sua irruenza e la sua combattività. L’assessore racconta ancora di aver visto Basile per l’ultima volta il 12 giugno scorso in una riunione di partito fatta a Lecce e di averlo atteso invano ieri alla messa celebrata dal Papa a Santa Maria di Leuca, dove riteneva che anche Basile si sarebbe recato.
Di Pietro "....abbiamo perso un gran combattente, Peppino si batteva per far vincere la legalità contro i soprusi e......"
Ana

http://www.blognotizie.com/a-lecce-assassinato-consigliere-dellitalia-dei-valori/20080615


daliberacqua
rispondi a decontaminazionesicilia@googlegroups.com


data 15 giugno 2008 18.14
oggetto[decontaminasicilia] Re: minacce di morte

Il comitato civico Liberacqua condivide ed aderisce.
Ciao
Salvatore Gabriele La Spisa

Portavoce Pro Tempore Liberacqua - Provincia di Palermo

cellulare 3336787621
3925102724
email: info@liberacqua.org
liberacqua@libero.it

COMUNICATO STAMPA
Il circolo “Pio La Torre” del Partito della Rifondazione Comunista di Capaci esprime piena solidarietà al comitato cittadino Isola Pulita per le gravissime minacce subite.
Siamo convinti che sia necessario e doveroso sostenere le battaglie del comitato “Isola pulita”, che si batte nei nostri territori in difesa della legalità, dell’ambiente e della crescita sociale e culturale.
Chiediamo dunque a tutte le forze critiche presenti sul territorio, oltre che a tutti i cittadini, di far sentire la propria voce a difesa dei valori della legalità e della libertà di parola contro ogni tentativo di censura. La gravissima intimidazione ai danni del comitato Isola pulita ci deve spingere tutti ad un impegno maggiore e ad una più vigile presenza sui problemi del nostro territorio.

Irene Calà
Circolo “P. La Torre” P.R.C. Capaci
3201567983


Da: "Gioacchino Genchi"
Data: Sat, 14 Jun 2008 13:30:29 +0200
Locale: Sab 14 Giu 2008 12:30
Oggetto: minacce di morte
Non so se avete ben compreso quello che è avvenuto e sta avvenendo ad Isola
delle Femmine contro i componenti del Comitato Isola Pulita ed il diritto di
libera espressione.
Si mettano da parte, almeno per un momento le discussioni sui "massimi
sistemi" riguardo le lettere a Lombardo, e ci si concentri sulle iniziative
di *concreta solidarietà* da attivare ed attuare per sostenere Ciampolillo
ed il Comitato ed evitare il loro isolamento.
Restare soli è un pericolo che non ci si può permettere.
Evitiamo che si ripeta quello che è già successo con alcuni di noi, per
esempio, all'Assessorato Territorio e Ambiente.
Ricordo che per il 18 p.v., ore 16:30, è convocata una riunione presso il
WWF per organizzare una mobilitazione ad Isola per il 20 o 21.
Ino


Da: "Sebastiano Spina"
Data: Sat, 14 Jun 2008 13:47:58 +0200
Locale: Sab 14 Giu 2008 12:47
Oggetto: Re: [rifiutizerosicilia:1474] minacce di morte

Per quanto mi riguarda concordo.
Fateci sapere immediatamente cosa deciderete in modo da potervi supportare.
A prestissimo

Sebastiano SPINA


From: Angelo Gallo
To: reterifiutizerosicilia@googlegroups.com
Sent: Friday, June 13, 2008 11:35 PM
Subject: [rifiutizerosicilia:1469] Re: Fwd: [decontaminasicilia]
Riunione urgente mercoledi 18 al WWF Sicilia ore 16,30


Mercoledì prossimo non potrò essere a Palermo. Condivido il vostro percorso operativo. Come sapete ho sospeso la ML INCENERITORI, ma per una questione come questa sono pronto ad attivarmi, fatemi sapere e disponetene come vi pare.
A Pino Ciampolillo e ai componenti del Comitato Isola Pulita, tutta la mia solidarietà e amicizia.
Un salutone.
Angelo Gallo


Da: "Sebastiano Spina"
Data: Fri, 13 Jun 2008 14:20:49 +0200
Locale: Ven 13 Giu 2008 13:20
Oggetto: Re: [rifiutizerosicilia:1460] Re: [decontaminasicilia] Re: minacce di morte

Ci saro' !
Saluti

Da: "LEANDRO JANNI"
Data: Fri, 13 Jun 2008 15:55:04 +0200
Locale: Ven 13 Giu 2008 14:55
Oggetto: Re: [decontaminasicilia] Re: minacce di morte
Condivido, caro Angelo.
A presto,
Leandro Janni
Italia Nostra Sicilia


Caro Pino,
in questo oscuro momento e sotto tante e tali minacce contro di Voi profferite, Decontaminazione Sicilia Vi è molto vicina e Vi sosterrà nella certezza che la Vostra causa, che è quella degli Uomini giusti che lottano per i propri figli e per i Beni Comuni, avrà presto dei riscontri positivi.

Un abbraccio, Luigi Solarino


Da: "Gioacchino Genchi"
Data: Fri, 13 Jun 2008 13:59:10 +0200
Locale: Ven 13 Giu 2008 12:59
Oggetto: Re: [decontaminasicilia] Re: minacce di morte
Sono d'accordo. Io direi di vederci il 18 e fare la manifestazione di
solidarietà per una delle date proposte.
Ino


Da: WWF Palermo
Data: Fri, 13 Jun 2008 12:34:28 +0200
Locale: Ven 13 Giu 2008 11:34
Oggetto: Re: [decontaminasicilia] minacce di morte

La cosa più immediata è un sit-in davanti all'Italcementi con tante bandiere e un Comunicato Stampa di solidarietà dei partecipanti. Per il 21 o il 22 prossimi.
Che ne dite?
Angelo Palmieri


Da: "Avv. Mario Michele Giarrusso"
Data: Fri, 13 Jun 2008 12:37:45 +0200
Locale: Ven 13 Giu 2008 11:37
Oggetto: Re: [decontaminasicilia] Re: minacce di morte
Mi sembra davvero una buona idea.


DA: endrigo@cubicle.net
Locale: Ven 13 Giu 2008 16:20
Voglio esprimere la solidarietà al Comitato di isola pulita. Un parere dovete permettermi di esprimere: avete errato a denunciare i due SIGNORI che vi hanno minacciato di morte (immagino siano professionalmente due falegnami). VOI, NOI, TUTTI i cittadini di buon senso dobbiamo denunciare i “mandanti “ chi ha “armato” la mente di questi SIGNORI.
Dobbiamo denunciare chi ha creato il clima di omertà dove il diverso deve essere prima minacciato e poi…..
Secondo questi signori: E’ NECESSARIO DARE L’ESEMPIO FARE CAPIRE CHE NESSUNO DEVE PARLARE.
NESSUNO DEVE PERMETTERSI DI TENTARE DI ROMPERE IL LORO GIOCATTOLO.

Vi saluto tutti personalmente e nome dei miei amici

Da: Mario Casella
Data: Fri, 13 Jun 2008 17:28:53 +0100
Locale: Ven 13 Giu 2008 17:28
Oggetto: Riunione urgente mercoledi 18 al WWF Sicilia ore 16,30
*Mercoledì 18 giugno, _presso la sede del WWF Sicilia in via Enrico
Albanese 98 ore 16,30_, si discuterà sulle possibili imminenti
iniziative da compiere in relazione al gravissimo episodio di cui sotto.
Vi aspettiamo.
Ciao a tutti, Mario


Urgentissimo un intervento di concreta solidarietà nei confronti di Pino Ciampolillo e dei componenti il Comitato Isola Pulita, non da ultimo anche un passo ufficiale presso la Procura della Repubblica ed il Prefetto. Non si può mettere a tacere con intimidazioni di chiaro stampo delinquenziale e mafioso chi da anni conduce con sacrificio personale e rischio della propria incolumità una battaglia contro un colosso industriale come l'Italcementi e contro l'utilizzo del combustibile pet-coke per il rispetto delle condizioni minime di tutela dell'ambiente e la salvaguardia della salute della popolazione di Isola delle Femmine. Nella vicenda grava come al solito e soprattutto anche il ricatto occupazionale, tanto è vero che ancora una volta si cerca di utilizzare le maestranze contro le lotte del Comitato cittadino.
Faccio notare che, con singolare analogia di tempi e di modalità intimidatorie, a Pino Ciampolillo è stato già più volte negato con pretestuosità di ogni tipo l'accesso agli atti amministrativi sull'Italcementi presso l'Assessorato Regionale Territorio e Ambiente da un "noto" dirigente del settore, il quale non riesce ormai neppure a nascondere atteggiamenti e comportamenti manifestamente ostili e di tracotanza nei suoi confronti, quali ad esempio di andare in escandescenze solo alla sua vista oppure di metterlo persino alla porta.
Non consentiamo che passi il ricatto padronale
Non consentiamo che venga messo il bavaglio al sito web Isola Pulita.
Non lasciamo indifesi Pino Ciampolillo ed i componenti del Comitato.
Ristabiliamo trasparenza e legalità all'Assessorato Territorio e Ambiente.
Promuoviamo su questi temi una forte iniziativa politica e sindacale in difesa dei diritti democratici e della libertà di stampa.
Gioacchino Genchi


SOLIDARIETA' A PINO e TUTTO I COMITATO! FORZA RESISTETE!

CARO PINO questo è il messaggio che ho messo sul MEETUP DEGLI ORGANIZER DI BEPPE GRILLO.
FORZA. RESISTETE!
Carlo Cardarelli cell 360598355
ACU MARCHE Via Piave, 49/C 60124 ANCONA (AN)
http://beppegrillo.meetup.com/533/boards/thread/4885886
=======================================


Cari amiche ed amici, INVIATE TUTTI UN SEGNALE DI SOLIDARIETA' A [b]PINO CIAMPOLILLO[/b] ED A TUTTI I CITTADINI CHE FANNO PARTE DEL COMITATO "[b]ISOLA PULITA[/b]" CHE SONO STATI MINACCIATI DI MORTE DA PERSONE CHE, EVIDENTEMENTE, NON HANNO PIACERE CHE NEL TERRITORIO CI SIANO PERSONE ONESTE CHE SI BATTONO CONTRO I SOPRUSI DI PREPOTENTI CHE VORREBBERO LUCRARE SULLA BELLEZZA E RICCHEZZA DEI NOSTRI TERRITORI.

QUESTO E' IL LORO COMUNICATO FINALE:

====================================

CHIUSURA PER MINACCE DI MORTE

Isola delle Femmine 12 giugno 2008-06-12
MINACCE DI MORTE AL COMITATO CITADINO ISOLA PULITA
Il Comitato Cittadino Isola Pulita a seguito delle gravissime minacce di morte rivolte contro due nostri esponenti ha deliberato l'interruzione immediata di qualsiasi attività politica sul territorio e conseguentemente la chiusura del sito web "Isola Pulita".
Le minacce sono state pronunciate pubblicamente nella piazza Umberto I a Isola delle Femmine.
La decisione è scaturita per una salvaguardia della incolumità fisica dei componenti del Comitato e delle proprie famiglie.
Ammettiamo pubblicamente di aver fallito la nostra "missione":
parlare di legalità,
di ambiente,
di amministrazione,
di trasparenza,
di sviluppo,
di territorio,
di crescita sociale e culturale della nostra COMUNITA'.
Il nostro intento: dare un contributo per favorire il dialogo e il confronto civile attraverso la partecipazione di tutti i CITTADINI.
AVETE LA NOSTRA RESA !
Il Comitato Cittadino "Isola Pulita"

================================

INFORMATEVI QUI: ----> http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/

QUI: ----> http://isolapulita.blogspot.com/

QUI: ----> http://isoladellefemminedaliberare.blogspot.com/

E ANCHE QUI: ----> http://dailymotion.alice.it/isolapulita

[b]FORZA! Facciamoli sentire MENO SOLI!

QUESTO E' IL MESSAGGIO CHE IO HO INVIATO:[/b][color=red][/color]

[i]L'ASSOCIAZIONE CONSUMATORI UTENTI ACU MARCHE, I MEETUP DI BEPPE GRILLO DELLE MARCHE SONO SOLIDALI CON PINO E CON TUTTI I CITTADINI DEL COMITATO "ISOLA PULITA". FORZA AMICI, NON VI ARRENDETE! IL FUTURO DELLA NOSTRA TERRA, DEL NOSTRO AMBIENTE E' IL VALORE PIU' ALTO DA DIFENDERE.
carlo cardarelli![/i]
[b]INVIATE a QUESTA E-MAIL
il Vostro messaggio di solidarietà:[/b] [b]"asso_di_quadri_1@libero.it"[/b]

carlocardarelli@libero.it
CARLO CARDARELLI


I vigliacchi mi sembra chiaro da che parte stanno .... le vostre parole
non cadranno nel vuoto.
Con sincera ammirazione
Susanna
susanna.ambivero@virgilio.it


Da: locascio.france...@aliceposta.it
Data: Thu, 12 Jun 2008 21:29:40 +0200
Locale: Gio 12 Giu 2008 20:29
Oggetto: Fw: minacce di morte ad Isola delle Femmine (Palermo) . comitato ambientalista sospende le attività. Rete lilliput NO.http://www.teleoccidente.it/home/players/TGGIOV.htm
tg di teleoccidente: minacce di morte
ad Isola delle Femmine (Palermo)
per chi si oppone ad italcementi.
comitato isolapulita (http://www.isolapullita.it)
sospende attività politica e blog.
Lilliput no!
www.retelilliputisoladellefemmine.wordpress.com



http://la-rinascita-a-isola-delle-femmine.blogspot.com/

1 commento:

Guillaume Manuele ha detto...

buongiorno ha tutti

Siete alla ricerca di prestito per sia rilanciare le vostre attività sia
per la realizzazione di un progetto, sia per voi comperate un appartamento,ma purtroppo la banca vi pone abbastanza condizioni di cui siete incapace; più preoccupazioni! Metto a disposizione di tutto che desidera crediti personali con un tasso d’interesse che va del 3% di importo chiesto. Volete precisarli nella vostra domanda di prestito importo esatto e la durata di rimborso che desiderereste perché posso soddisfarli con precisione e non appena possibile.

Contattate per le vostre domande di prestito personali: gui.manuele@gmail.com

la vostra soddisfazione è il mio obiettivo e ciò prima.