Bertolt Brecht : “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”





Non mi piace pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..






“ Non c’è niente di più profondo di ciò che appare in superficie “




Pino Ciampolillo




venerdì 7 dicembre 2007

LA STORIA DELLA CALLIOPE UNA GRANDE SPECULAZIONE EDILIZIA

Vai al Sondaggio sulla Italcementi http://isoladellefemminedaliberare.blogspot.com/










http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2007/12/la-calliope-la-storia-di-una-grande.html

http://www.isolapulita.it




PEPPINO IMPASTATO TRENT'ANNI
Sono trascorsi TRENTA anni,
erano giorni terribili,
giorni cupi,
giorni di terrore,
il pensiero unico iniziava a mettere le sue radici:
Brigate Rosse, rapimento Moro, consociativismo, lo stato di polizia,
Sciascia con il suo slogan "nè con lo stato nè con le BR" a seguire la tragica notizia del barbaro assassinio di PEPPINO.

Dal punto di vista di chi ancora oggi dedica con grande senso di responsabilità, il suo impegno nel tentativo di dare delle riposte ai problemi dei cittadini per ripristinare una partecipazione effettivamente democratica, da allora poco sembra essere cambiato dal punto di vista comportamentale.
Oggi, come allora ci rendiamo conto che il rapporto mafia-politica costitutivo del fenomeno mafioso sembra essere sempre più forte.
Ciò che Peppino aveva scoperto dei collegamenti della mafia e dei suoi rapporti con il mondo delle professioni, dell’imprenditoria, della politica, della sua penetrazione nella pubblica amministrazione e nelle istituzioni, era un sistema di potere che ancora ad oggi resite anzi si è "professionalizzato" resta ancora in piedi e nulla sembra averlo scalfito.
Le ultime elezioni politiche con il voto a Cuffaro condannato per favoreggiamento o il voto dato a Dell’Utri condannato a 9 anni per concorso esterno che definisce Vittorio Mangano capo mafia ergastolano un eroe in quanto non ha proferito parola sui suoi rapporti con Arcore, sono la dimostrazione di questo sistema di potere e che tutto deve ESSERE "metabolizzato" "controllato" "dominato".
Siamo nel 2008 mi chiedo cosa è cambiato?
Nulla o quasi!
Non c’è da meravigliarsi:
Quando il Presidente del Consiglio Comunale di Isola delle Femmine è sordo alla richiesta fatta dai Consiglieri Comunali di convocare una seduta del Consiglio Comunale al fine di dibattere dei problemi di legalità a Isola delle Femmine (i mezzi di comunicazione hanno parlato del nostro territorio sotto l’influenza di gruppi malavitosi, a Isola delle Femmine l’estate del 2006 è stato arrestato Salvatore Alfano latitante, a Isola delle Femmine operavano gli imprenditori Antonio e Stefano Maiorana, dai pizzini scoperti nel rifugio dei Lo Piccolo scopriamo che alcuni imprenditori e attività commerciali pagavano il pizzo, Isola delle Femmine all’inizio del 2000 vi sono state alcune ritorsioni nei confronti di ditte che eseguivano lavori per il Comune ………….), richiesta avanzata dai Consiglieri Comunali e negata dal Presidente del Consiglio .

Invano sembrano passati 30 anni quando: inerti ascoltiamo un Presidente del Consiglio che durante una seduta del Consiglio Comunale minaccia un Consigliere “Se mi denunci ti faccio saltare in aria ti faccio vedere chi sono io”
Di fronte a questi comportamenti mi chiedo a cosa è servito il sacrificio dei tanti: Falcone Borsellino Impastato,Pio La Torre, Chinnici, Placido Rizzotto…

Invano sembrano esser passati tutti questi anni di lotte, per l’affermazione dei diritti della trasparenza del libero e civile confronto per la crescita socio-culturale ed economico della nostra comunità quando ci ritroviamo con

un SINDACO che DIVIDE i cittadini in due categorie: quelli di A e quelli di serie B,

un SINDACO che non riesce a farsi salutare da quei cittadini che Lui considera di serie B (occhio Signor SINDACO sono aumentati in maniera esponenziale i CITTADINI di serie B),

un SINDACO che DIVIDE e non UNISCE,

un SINDACO che è riuscito a creare divisione odio e rancore anche tra i DIPENDENTI COMUNALI.

Un Sindaco che considera i suoi CRITICI dei NEMICI.

Un SINDACO sordo alle denunce di abusivismo edilizio e di aggressione sconsiderata del territorio.

A questo punto mi chiedo chi mai ci ripagherà del FURTO di democrazia e di diritti perpetrato ai danni di un’intera COMUNITA’?
Chi ci ripagherà delle vite che ci sono state sottrate fatte di: amici, compagni, fratelli sorelle cittadini giornalisti giudici avvocati operai studenti…………..


Peppino era un uomo impegnato nella lotta alla mafia che aveva scoperto i collegamenti tra politica e mafia, che ha operato una rottura non solo nell' ambiente in cui viveva ma nella sua stessa famiglia che era mafiosa".
Pino Ciampolillo




Caricato da isolapulita







Isola delle Femmine Approvato il piano regolatore porto 24.7.07
Isola delle Femmine 25.7.2007

Bliblioteca Comunale Adunata del Consiglio Comunale

Ordine del Giorno Piano Regolatore Generale

Presentazione e discussione degli emendamenti presentati dai gruppi consiliari rappresentati in Consiglio

A proposito dell'emendamento atto a reperire un'area da destinare a strutture scolastiche, Il Sindaco Professor Portobello in mancanza dell'Assessore alla Famiglia ha ritenuto opportuno lanciare un appello al pubblico presente in aula (in maggioranza aderenti a Isola Pulita ed inoltre "palermitani".
(Signor Sindaco , che non siano proprio i "palermitani" a far scendere l'indice di popolarità della Sua Giunta? I numeri del nostro sondaggio sono veramente impietosi. Qualcosa dovrà pur dirLe. O no?)

Al fine di non vedere in futuro le strutture scolastiche DESERTE (aggiungiamo noi forse, probabilmente, anzi per essere sinceri ed in considerazione di quanto già successo: SONO SOLO SOGNI! Qualche artifizio e la destinazione d'uso può cambiare)

"ADESSO POTETE FARE FIGLI"
Comitato Cittadino Isola Pulita
http://www.isolapulita.it

Caricato da isolapulita

Nessun commento: